Lunedì, 16 Lug 2018
Home
I MALEDETTI DEL ROCK ITALIANO

Mostra tenutasi a Città di Castello (Perugia) dal 28 dicembre 2008  e presso le sale del Palazzo rinascimentale del Podestà fino a metà gennaio
.


I quadri presenti alla mostra (tra cui opere di Fusco, Roi, Echaurren, Giacon, Comandini) presentano una serie di omaggi a coloro che, ponendosi spesso contro logiche commerciali, rinnovarono lo scenario musicale e artistico italiano, attraverso nuovi stili e metodi di produzione, senza paura di affrontare tematiche nuove e personali stili di vita.


Dal catalogo della mostra:
Il concetto di rottura  associa gli urlatori degli anni '50 alla poesia di Piero Ciampi e De Andrè, il progressive di Area e Biglietto per l'Inferno a punk & hardcore: è questo il filo conduttore della mostra I MALEDETTI DEL ROCK ITALIANO, Segni & Suoni di strada da Clem Sacco ai 99 Posse al Palazzo del Podestà di Città di Castello.
Nelle tavole originali dei migliori disegnatori italiani (tra i tanti: Fernando Fusco, Tanino Liberatore, Corrado Roi, Massimo Giacon, Marina Comandini Pazienza, Massimo Cavezzali, Bruno Brindisi) si celebra chi ha detto no a imperanti logiche di mercato, alla censura di testi e costumi; Giorgio Gaber, Rino Gaetano, Demetrio Stratos, Giovanni Lindo Ferretti, Federico Fiumani e tanti altri eroi del rock, nella musica e soprattutto nell'anima.

Nell'affollata inaugurazione il guru di Frigidaire, VINCENZO SPARAGNA e LUCA FRAZZI di Rumore incantano tutti rivelando le tante contaminazioni di rock e fumetto, come nella Bologna del '77 dove l'arte di Andrea Pazienza andava a braccetto con il sound di Skiantos e Gaznevada. Proprio Roberto Freak Antony suggella il grande momento con un concerto a sorpresa che ripercorre i classici degli Skiantos con tutta la loro esplosiva verve.






Tra i molti lavori anche il bel contributo di Andrea Vivaldo (fumettista e disegnatore torinese) dedicato a Faust'O che vedete riportato nell'immagine qui sotto:

Andrea Vivaldo - Faust'O - Mostra i maledetti del rock italiano
Andrea Vivaldo - Faust'O 1978 (dalla mostra: I maledetti del rock italiano)